La Camera di Commercio Italiana in Canada – Ovest | Export in Canada e Sicurezza Alimentare: i requisiti richiesti
Italian Chamber of Commerce in Canada West, small business, small business bc
7029
post-template-default,single,single-post,postid-7029,single-format-standard,pmpro-body-has-access,ajax_updown,page_not_loaded,,qode-theme-ver-7.7,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
 

28 mar Export in Canada e Sicurezza Alimentare: i requisiti richiesti

Il nuovo regolamento di sicurezza alimentare in Canada e la sua applicazione impattano non solo sugli importatori canadesi ma anche su uno dei settori di eccellenza dell’export italiano: l’agrifood. Ecco perché abbiamo chiesto agli esperti in sicurezza alimentare della multinazionale ITA GROUP e della loro sussidiaria italiana Euroservizi Impresa di riassumere a che punto siamo con l’applicazione della nuova normativa canadese Safe Food Canadian Regulations.

Articolo a cura di Noemi Trombetti, Managing director ItaGroup Ltd

La Canadian Food Inspection Agency (CFIA) ha comunicato che, dal 15 marzo 2021, le transazioni di importazione alimentare verranno automaticamente rifiutate nel caso in cui non venga inserita una licenza Safe Food for Canadians (SFC) valida nella Dichiarazione di Importazione Integrata (IID).

Se una transazione viene rifiutata a causa di mancato numero di licenza valido, le spedizioni di prodotti alimentari in Canada saranno trattenute al confine fino a quando l’errore non viene risolto e la transazione di importazione viene nuovamente inviata.

È necessario ottenere la licenza SFC per importare prima di presentare la spedizione al confine in quanto, come spiega chiaramente la CFIA, non sarà possibile ottenere una licenza SFC quando i prodotti sono già al confine.

Il consiglio è quello di verificare che il proprio importatore possieda una licenza valida per l’attività di “Importazione” e per il prodotto alimentare che intendi esportare.

Come controllare che l’importatore abbia una licenza valida?

Puoi controllare le licenze nel sito direttamente nel portale My CFIA per assicurarti che la licenza sia stata rilasciata.

Tieni presente che l’elaborazione di una domanda di licenza SFC o di una richiesta di modifica può richiedere fino a 15 giorni lavorativi e può richiedere più tempo se è necessaria un’ispezione pre-licenza.
 

Per carne e prodotti a base di carne importati i nuovi requisiti sono effettivi dallo scorso settembre 2020 e 16 dicembre 2020 e sono ora richiesti da Canadian Custom e CFIA all’ingresso.

Uno o più dei seguenti requisiti possono essere applicati alla merce importata.
  • Permesso di importazione (in vigore dal 30 settembre 2020)
    Un permesso di importazione è un documento legale emesso ai sensi della sezione 160 dei regolamenti sulla salute degli animali in base al quale l’importatore è tenuto a rispettare tutte le condizioni stabilite al suo interno per importare la merce in Canada. Un permesso di importazione viene rilasciato dalla CFIA all’importatore, specificando gli obblighi dell’importatore e delineando i requisiti di importazione. I permessi di importazione non possono essere rilasciati dopo che la merce è arrivata in Canada.
  • Certificato zoosanitario (in vigore dal 16 dicembre 2020)
    I certificati di esportazione zoosanitari sono documenti ufficiali, convalidati da un veterinario ufficiale di un paese esportatore, che attestano le dichiarazioni di salute animale relative alla spedizione per l’esportazione. Lo scopo del certificato zoosanitario è garantire che la merce per l’importazione in Canada soddisfi i requisiti di salute degli animali del Canada. Un certificato zoosanitario può essere negoziato tra la CFIA e l’autorità competente del paese esportatore, con condizioni che possono essere modificate solo previa negoziazione tra i paesi importatori ed esportatori. Se i certificati non vengono negoziati, possono includere attestati come indicato in un permesso di importazione o come ricevuto da un importatore da un paese esportatore. È importante notare che in questo caso vengono emessi dal paese esportatore a rischio commerciale dell’importatore/esportatore.
  • Dichiarazione dell’importatore: (in vigore dal 16 dicembre 2020)
    La dichiarazione di un importatore fornisce informazioni sulla spedizione che possono essere verificate dall’importatore. Se necessario, deve accompagnare la spedizione al porto d’ispezione frontaliero.
    Sebbene la spedizione rimanga sotto controllo ufficiale e non sarà mai rilasciata per l’uso o il consumo in Canada, deve comunque soddisfare tutti i requisiti di importazione della CFIA, che potrebbero consistere in condizioni di transito specifiche o requisiti di importazione permanente, prima di procedere in transito per prevenire l’introduzione di un organismo nocivo o patogeno. Potrebbe essere necessario un permesso di importazione.

Trasbordo

Per trasbordo si intende un movimento di merci dal paese di origine a un paese di destinazione in cui il container che racchiude le merci attraversa un paese intermedio; viene sdoganata nel paese intermedio, il container viene aperto, il sigillo originale viene rotto, il contenuto viene rimosso e una parte del carico originale viene quindi spedita dal paese intermedio al paese di destinazione.

Trasbordo con il Canada come destinazione finale

Lo stato di salute degli animali della spedizione non deve essere compromesso in alcun modo prima dell’arrivo in Canada. La CFIA potrebbe richiedere ulteriori dettagli per valutare il rischio di malattia associato all’importazione. Questi dettagli possono includere, ma non sono limitati a quanto segue:

  • il periodo di tempo in cui la spedizione sarà nel paese di trasbordo
  • lo stato sanitario degli animali del paese di trasbordo
  • dettagli riguardanti il luogo in cui verrà aperta la spedizione e tutti i fattori di rischio di malattia che possono essere presenti come l’esposizione ad animali o prodotti di origine animale
  • se verrà mantenuto il controllo ufficiale sulla spedizione durante il paese di trasbordo

È responsabilità dell’importatore delineare chiaramente i paesi di trasbordo al CFIA per aiutarli a valutare il rischio per la salute degli animali. Potrebbe essere necessario un permesso di importazione. Potrebbero esserci condizioni di importazione aggiuntive rispetto a quelle per l’importazione della spedizione direttamente dal paese di origine.

Le spedizioni destinate al Canada che hanno trasbordato attraverso un paese terzo dopo aver lasciato il paese di esportazione possono richiedere 2 certificati zoosanitari. La certificazione può essere richiesta dal paese di origine che attesti che il prodotto soddisfa i requisiti canadesi, nonché dal paese intermedio che attesti che il prodotto non è stato alterato o contaminato.

Trasbordo attraverso il Canada in rotta verso un’altra destinazione

Poiché la spedizione può essere aperta e una parte può rimanere in Canada, i requisiti di importazione della CFIA per l’ingresso permanente della spedizione dovrebbero essere soddisfatti anche se parte della spedizione può essere successivamente esportata dal Canada verso un’altra destinazione.

 

Sullo stesso tema >>>

 


Non perdere i prossimi aggiornamenti del Centro Studi Italia-Canada

Iscriviti alla Newsletter

 

 

No Comments

Post A Comment